You are currently browsing the tag archive for the ‘cucina rumena’ tag.


Conosco da tempo il bellissimo blog di  di Cristina, le cui ricette uniscono la tradizione bulgara e rumena  a quella di casa nostra. Quello di Cristina è stato uno dei primissimi siti nel mio blogroll di siti culinari, posizione che si è meritato ancora una volta di più:  in un commento al post delle uova colorate Cristina mi ha svelato la ricetta dei Mici, mini cilindretti di carne mista molto popolari in Romania. 🙂

Io li ho assaggiati e mi son piaciuti davvero tanto, tanto da inserirli in un mio post passato. Purtroppo quando ho chiesto la ricetta mi è stato detto che non si sa con esattezza e che ogni chioschetto dei mici o ristorante la custodisce gelosamente.

D’altronde in tanti siete arrivati qui cercandola e quindi sono molto contenta di potervi linkare la sua versione di questa ricetta, che mi ha anche assicurato essere abbastanza semplice:

http://lacucinadicrista.blogspot.com/2006/08/mici-o-mititei-piccole-polpette-forma.html

Grazie ancora una volta a Cristina per il suo contributo!

Annunci

Eccomi, sono tronata dalla Romania! Vi sono mancata? Spero abbiate passato una buona Pasqua come lo è stata per me.:)

Mi ha molto stupito vedere come anche laggiù sia molto popolare il tradizionale picnic/grigliata/sbracamento di Pasquetta, che noi abbiamo ovviamente provveduto a onorare! 😉 Il menù del 2010  ha compreso: salsicce, bistecche, mici (che? gatti? no di certo, poi ne parliamo, tranquilli), insalata di pomodori e cetrioli amorevolmente preparata dalla sottoscritta e soprattutto le uova sode colorate, dette ouă vopsite.

Oua vopsite + insalata di pomodori e cetrioli!

La tradizione pasquale delle uova colorate

Le uova colorate sono un cibo immancabile  sulle tavole delle famiglie rumene durante tutto il periodo pasquale: con un po’ di sale sono perfette. Ma prima di mangiarle bisogna “fare cioc”; per farlo bisogna essere al massimo due persone per volta ed essere entrambi “uovomuniti” 🙂 , poi:

1: Uno dei due proclama ad alta voce “Hristos a înviat!” ovvero “Cristo è risorto!”;

2: L’altro di ritorno risponde “Adeverăt a înviat!” (è veramente risorto!”);

3: Chi ha iniziato fa cioc, ovvero picchia con la punta del suo uovo la punta dell’uovo dell’altro. Chi non si ritrova la punta rotta sarà fortunato!

Inutile dire che poi si producono gare all’ultimo sangue tra parenti e amici per vedere chi ha l’uovo fortunato..  🙂

Mititei con senape

Un’altra preparazione molto amata  e che abbiamo mangiato a pasquetta è quella dei Mici, o Mititei. Sono dei cilindretti di carne macinata  mista che sono molto popolari in qualsiasi trattoria, e sono buonissimi,  soprattutto alla griglia. Devono il loro nome al fatto che sono delle dimensioni di mezzo dito (“mic” significa piccolo).

L’unico problema è che quando ho chiesto la ricetta tutti mi hanno risposto che non la sapevano, e che in pratica la loro ricetta è tenuta più segreta di quella della cocacola. Mannaggia, senza contare che quelli che abbiamo degustato noi erano comprati.

Come fare le uova colorate?

Le uova colorate sono veramente molto facili da fare e garantiscono un effettone sulle tavole pasquali. Ormai è tardi, ma credo che potrete riciclare questa ricetta per le Pasque a venire.

In Romania è facile trovare la tintura per uova specifica in polvere, in Italia andranno benissimo le tinture alimentari in fialetta per pasticceria. Il colore più amato è il rosso cardinale che vedete anche sulle nostre uova… ed è perfettamente riproducibile senza tinture artificiali.

Come fare? Servono solo un po’ d’aceto e una barbabietola!

  • Puliamo bene le uova dalle schifezzine che si possono trovare sul guscio (ci siamo capiti, nevvero? )
  • Prendiamo la barbabietola e tagliamola a  pezzetti.
  • Poniamo le uova in una quantità sufficiente a coprirle d’acqua fredda e aggiungiamo due cucchiai d’aceto e la polpa a pezzi della barbabietola.
  • Facciamo bollire le uova fino a farle sodare (8 min.)
  • Mettiamole a raffreddare, o per un colore più intenso, “lasciamole nel loro brodo” 🙂

Di tutti i colori!

Le uova tinte sono pronte per partecipare alla gara del cioc e poi per essere mangiate! Ci sono tanti altri colori che, con un po’ di esperienza nei dosaggi, possono essere riprodotti benissimo anche con coloranti naturali. Provate a sperimentare con spinaci, cipolle, more, cavoli cappuccio, fagiolini, carote… e poi magari postate qui le vostre creazioni! ^^

A presto,

Fiorenza.


Cos’è il social cooking? E’ quando voi state cucinando un piatto tipico della vostra  nazione e una rompipalle io vi giro intorno e faccio domande sulla preparazione della pietanza e vi chiedo di tenere le mani così c’è una bella luce aspé che fotografo, così già che ci sono rompo stiamo in compagnia e impariamo qualcosa di nuovo. Ecco, fondamentalmente è questo. Quindi potete capire quanto sia stata gentile e paziente Maria, mamma del mio ragazzo nonché cuoca protagonista di questo post, quando ha accettato di farmi seguire la preparazione della Ciorba de Perisoare (zuppa di polpette).

Le zuppe sono uno dei punti forti della cucina romena (laggiù l’inverno non perdona) e sono di mille tipi, anche adatte all’estate. Gli ingredienti base per questo tipo di ciorba sono comunissimi anche nella cucina italiana e li potrete trovare senza problemi.

Ingredienti per 4/5 persone:

  • 100/150 g a testa di macinato di bovino;
  • 150 g di riso (Arborio va benissimo);
  • 4 patate grandi;
  • 2 carote grandi;
  • 1 cipolla dorata media;
  • 1 piccolo peperone rosso;
  • Sedano, una o due coste, a piacere;
  • 1 uovo medio;
  • Prezzemolo a piacere ;
  • Passata o concentrato di pomodoro.

Leggi il seguito di questo post »

Mi presento…

I'm a food explorer and life lover.
Cliccami se vuoi conoscermi meglio! :D

Non c'è amore più sincero di quello per il cibo.
G.B.Shaw

Chi mi ama mi segua :P

Archivi

As time goes by…

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Gen    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Sto tentando di conquistare il mondo, mignolo!

Locations of visitors to this page


My site is worth $86.
How much is yours worth?

Siete passati in:

  • 97,058 Buongustai

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 7 follower